Mr Vincenzo Catera


Vai ai contenuti

Tecnica e Tattica

Metodologie di Allenamento

La tecnica calcistica è l'insieme dei movimenti con o senza la palla che vengono attuati durante una partita, nella quale il primo obiettivo è il possesso della palla, il secondo la difesa e la riconquista del pallone.

La
tecnica di base è composta da 6 fondamentali:
1) dominio della palla
2) calcio della palla
3) guida della palla
4) ricezione (stop)
5) colpo di testa
6) rimessa laterale

La
tattica individuale o tecnica applicata è l’applicazione pratica della tecnica di base con l’obiettivo di eseguire il movimento utile ed efficace nel momento contingente.

La
tattica individuale comprende due fasi :
a) fase di possesso della palla
b) fase di non possesso della palla

PRINCIPI DI TECNICA APPLICATA IN FASE DI POSSESSO DELLA PALLA:

  • smarcamento
  • controllo e difesa della palla
  • passaggio
  • finta e dribbling
  • tiro in porta


PRINCIPI DI TECNICA APPLICATA IN FASE DI NON POSSESSO DELLA PALLA:

  • posizione sul campo
  • marcamento
  • intercettamento
  • contrasto
  • difesa della porta


Non può essere giocatore di calcio chi non è in grado di calciare il pallone, stopparlo, colpirlo di testa, ecc.
Per imparare la tecnica calcistica è necessario ripetere molte volte una serie di elementi tecnici, sino a che si è in grado di eseguirli alla perfezione.

La tattica calcistica può essere sia collettiva che individuale. La prima è un’azione coordinata tra due o più giocatori tesa ad ottenere uno scopo determinato precedentemente. La tattica individuale è caratterizzata da tutti quegli accorgimenti e movimenti per mezzo dei quali la nostra prestazione risulta essere utile ed economica. La tattica deve essere eseguita con autonomia da ciascun giocatore: ognuno è responsabile di ciò che fa, tenendo conto dei movimenti degli altri.
La tecnica e la tattica sono due cose assolutamente indivisibili, nel senso che senza la prima non ci può essere la seconda.

CARATTERISTICHE TECNICHE DEL GIOCATORE DI CALCIO IDEALE

tecnica precisa;

elevata rapidità di esecuzione;

ripetuta velocità di spostamento;

rapida e variegata capacità di decisione tattica.

Il compito dell’allenatore di calcio è quello di abituare i propri giocatori a possedere una sufficiente autonomia decisionale, migliorando i tempi di gioco: tempo di marcamento o smarcamento, tempo di battuta, tempo di passaggio ecc.

Nella tattica individuale, in fase di possesso della palla il giocatore deve sapere come smarcarsi, come proteggere la palla, come passare, ricevere e guidare la palla, come tirare in porta. In fase di non possesso è importante prendere correttamente posizione in campo, marcare, anticipare e difendere la porta.

“DIZIONARIO” DEL CALCIO:
Smarcamento: liberarsi verso la zona luce (zona in cui è possibile ricevere la palla)
Difendere la palla: mettere il corpo a protezione della palla
Ricevere la palla: è necessario andare in contro alla palla, per esempio sul punto di caduta dei palloni che arrivano dall’alto
Passare la palla: questo veloce fondamentale mi permette di superare più avversari rispetto alla guida della palla, determinando un minor consumo di energia ed un minor rischio
Equilibrio: mantenere la possibilità di copertura reciproca in ogni circostanza
Strategia di gioco: scelta da attuare in prospettiva della gara
Pressing: tattica collettiva atta a riconquistare la palla
Pressione: tattica individuale con lo scopo di limitare tempo e spazio al possessore di palla avversario
Incroci: azioni di tattica individuale senza la palla, con cambi di posizione mediante corse ad incrocio tra due compagni. Si utilizza principalmente in fase di attacco per liberare gli spazi.
Sovrapposizioni: corse alle spalle di un compagno a cui è stata trasmessa la palla, superandolo nel tentativo di conquistare spazio in avanti o superiorità numerica.
Possesso della palla: azione mediante la quale si cerca di far liberare gli spazi agli avversari. Si attua cercando di far girare su tutta la larghezza del campo la palla.
Sostegno (o appoggio): andare in sostegno ad un compagno di squadra che si trova in possesso della palla, al fine di attuare possesso del pallone o azione d’attacco.

Fase di non possesso palla:

Presa di posizione: prendere posizione in diagonale rispetto alla posizione della palla; rientrare verso la porta
Marcamento a uomo: la posizione viene determinata dall’avversario
Marcamento a zona: la posizione dipende dalla palla
Scaglionamento: i giocatori devono formare dei triangoli tra loro
Penetrazione: profondità, verticalizzazione. In questo caso è necessario arrivare il prima possibile nei pressi dell’area di rigore degli avversari
Ampiezza: creare spazi utili ed aprire le “maglie” della difesa avversaria
Creazione dello spazio: è dettata dai movimenti dei singoli
Imprevedibilità: ogni situazione deve essere resa imprevedibile

In fase di non possesso della palla dobbiamo disporsi in modo tale da stringere il più possibile il campo libero agli avversari.
Azione ritardatrice: intervenire per alterare i tempi di gioco degli avversari, facendo perdere tempo alla squadra avversaria in profondità, oppure limitando i tempi di gioco. Un’azione ritardatrice si può attuare attraverso temporeggiamento, pressing o fuorigioco.

In fase di non possesso della palla, la difesa deve essere posizionata in modo tale da difendere la zona pericolosa del campo (quella davanti alla porta). A tale proposito è necessario non farsi attirare dalla palla, ma difendere gli spazi davanti alla nostra porta.

Home Page | Tutto su di Me | Gabetto Calcio | C.F.C.G. | Metodologie di Allenamento | News | Contatti | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu